giovedì 22 marzo 2012

Basta bambini cattivi!


Un bimbo ride, balla, gioca, mangia, salta, corre, si arrampica, parla.

Un bimbo piange, graffia, scappa, morde, graffia, picchia, urla.

Se il bambino svolge la prima lista di azioni è un bambino buono, se svolge la seconda è un bambino cattivo.

La mia conclusione è che non esistono bambini buoni e cattivi, ma esistono bambini che svolgono tutte queste azioni messe insieme.

Non sopporto le etichette e nemmeno le logiche manichee secondo le quali una persona è così o è cosà. Non sopporto quando questo viene fatto con i bambini: oltre a dar adito a pregiudizi insensati, si buttano così i semi per i primi comportamenti razzisti.

“Non voglio che mia figlia sieda accanto a quel bambino violento!” ho sentito dire più volte dai genitori.

“Quel bambino è davvero un problema! Non è per niente educato!” ho sentito dire da alcune colleghe.

Non voglio vivere un bambino come un problema. Magari è vero che ne sta vivendo lui di complicazioni, di avvenimenti che non riesce a spiegarsi, di situazioni che lo fanno soffrire. Quando si soffre, non abbiamo bisogno di giudizi ma di accettazione. Accogliamo con amore questi bambini, cerchiamo di contenere la loro rabbia con un abbraccio, insegniamo loro che a volte un bel girotondo fa tornare il sorriso, cerchiamo di canalizzare la loro energia e correggiamo il comportamento scorretto.

Correggiamo, ma non condanniamo.

Uno schiaffo fa male, ma dire “cattivo!” a un bambino ne fa ancora di più: entra nell’anima di chi riceve l’epiteto, entra nelle orecchie di lo ascolta, entra negli occhi di chi sta guardando. 
Per sempre.


4 commenti:

  1. E' da anni che ripeto questa frase..." non esistono bambini cattivi" ma quante volte ho sentito il contrario...chi dice ciò non si rende conto quanto male può fare a un bambino.
    Complimenti per tutto, ti seguo sempre con molto interesse.
    Maestra Valentina

    RispondiElimina
  2. Etichettare fa sempre male. Crea dei pregiudizi inutili. Purtroppo troppo spesso nel nostro lavoro prevale il personale e non il professionale! Grazie mille Maestra Valentina: anche io ho esportato il tuo blog al nido. L'altro giorno lo guardavamo con le colleghe per i lavoretti di Pasqua.

    RispondiElimina
  3. Brava Vale, assorbita da Giulia ho letto solo ora! Bravissima, complimenti.

    Un caro saluto.
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io vedo solo ora il tuo commento... Grazie! e un bacione a Giulia

      Elimina